La stupidità della marcia delle donne contro Trump

guido2di Guido Silicani

Il mandato di Trump è cominciato da una manciata di giorni e già ci sono due provvedimenti importanti: per prima cosa è stato sancito il ritiro degli Stati Uniti dal Tpp (da non confondere con Ttip), un accordo di libero scambio con 11 paesi del Pacifico voluto fortemente da Obama. Questa è una notizia che non ci rende affatto felici. Trump dovrebbe infatti tenere a mente la lezione di Bastiat:“Dove non passano le merci, passano gli eserciti”. La seconda cosa che sta attuando il nuovo Presidente è il taglio di numerosi sprechi pubblici. E questa ci pare una scelta saggia: magari si potesse dare una sforbiciata simile anche in Italia!

marcia

Nel frattempo però le polemiche contro Trump continuano insistentemente. Molte critiche sono condivisibili e sacrosante. Ma non c’è affatto piaciuta la marcia delle donne, la cosiddetta Women March, avvenuta il giorno dopo l’Inaguration Day. Centinaia di migliaia di persone sono scese in piazza in varie città americane per dimostrare il loro sdegno contro il tycoon. Una delle leader di tale protesta era Madonna, la quale durante la campagna elettorale aveva promesso di praticare la fellatio a tutti gli uomini che avessero votato per la Clinton. Ma tralasciamo ciò: il problema è che non capiamo in quale modo i diritti delle donne sarebbero in pericolo durante la presidenza Trump. Avrebbe avuto senso se a scendere nelle piazze fossero stati degli immigrati clandestini oppure dei fautori del libero mercato. Se l’opposizione contro questa amministrazione sarà un’opposizione di genere, prevediamo che sarà del tutto inefficace e inutile. Ma davvero siamo sicuri che l’essere contrari a Trump sia una questione di pene o di vagina? A tali ragionamenti così profondi non riusciamo a giungere.

Ovviamente le proteste sono tutte legittime – ognuno ha diritto di fare ciò che crede più opportuno -, purchè rispettino il principio della nonviolenza. Ma vedere un gruppo di persone che crede di opporsi ad un Presidente eletto democraticamente facendone una ragione di sesso (femminile o maschile) ci fa alquanto ridere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...